PROMPERÚ lancia il brand ‘Superfoods Perú’

  • Presentato a Berlino in occasione della 25esima edizione di Fruit Logistica.
  • Supportano il marchio alcune delle principali associazioni peruviane del settore privato.
  • Quinoa, maca, camu camu, alcuni dei prodotti che fanno parte di questo brand.

0
18
promperu brand superfoods peru

La Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo – PromPerú – ha lanciato lo scorso 8 febbraio il marchio ‘Superfoods Perú’, in occasione della fiera alimentare più importante del mondo, Fruit Logistica, tenutasi a Berlino.

Con questo brand si intende posizionare, a livello internazionale, la qualità, la varietà e i benefici nutrizionali dei prodotti peruviani e dare così inizio ad una promozione commerciale dell’offerta esportabile cominciando proprio dall’Europa.

Fruit Logistica

Alla manifestazione era presente il Ministro per la promozione delle esportazioni e del turismo Eduardo Ferreyros Küppers, accompagnato da rappresentanti dell’Associazione degli Esportatori (ADEX), l’Associazione dei produttori agricoli Gilde del Perù (AGAP) l’Associazione peruviana dei Produttori ed Esportatori di Mango (Peruvian Mango Growers), oltre a ProHass, Procitrus e ProVid, esportatori, buyer internazionali e rappresentanti del commercio equo, per citarne alcuni.

Claudio Pizarro

Si è fatto portavoce del brand ‘Superfoods Perú’, il calciatore Claudio Pizarro, miglior marcatore straniero nella storia della Bundesliga, che ha presenziato alla fiera e ha sottolineato quanto sia importante per i calciatori avere un’alimentazione corretta, affermando di essere un consumatore abituale di ‘superalimenti’ peruviani.

Una promozione che intende andare incontro alle esigenze e alle nuove tendenze dei consumatori, alla loro propensione a condurre uno stile di vita salutare: non a caso, oggi è possibile trovare i ‘superalimenti’ nei principali mercati e fiere alimentari internazionali.
Nel settore imprenditoriale, si riscontra un sempre maggiore interesse e riconoscimento di questi prodotti da parte dei consumatori di tutto il mondo. Basta pensare che, tra il 2011 e il 2015, il lancio di nuovi alimenti e bevande a base di ‘superalimenti’ è aumentato del 202%. Va inoltre sottolineato che il Perù ha tutte le carte in regola per essere considerato leader mondiale nell’ambito dei ‘superalimenti’: possiede una ricca biodiversità, ha ottime capacità di esportazione, oltre a fornire tracciabilità e innovazione grazie a catene di processo trasparenti e sostenibili.

Superfoods peruviani

Da migliaia di anni, il Perù tramanda di generazione in generazione conoscenze ancestrali per preservare le colture del territorio, ha una gastronomia conosciuta in tutto il mondo ed è considerato destinazione propizia per gli investimenti mentre la sua posizione geografica lo rende hub apprezzato in America Latina.

Molti i ‘Superfoods’ peruviani che verranno promossi con questo nuovo marchio: la quinoa, l’amaranto, cañihua (pinata erbacea simile alla quinoa), la maca, lo yacón (tubero coltivato nella Cordigliera delle Ande), le castagne, la carruba, sacha inchi o arachide dell’Inca, mais gigante di Cusco, mais viola, camu camu, la chirimoya (frutto tropicale), soursop o guanábana, lucuma, mango, uva, mandarini e acciughe, oltre a quelli già conosciuti a livello internazionale come i mirtilli, gli asparagi, i broccoli, l’avocado, il melograno, il cacao e il cioccolato.

Con uno stand di oltre 500 mq, il Perù ha inoltre organizzato diverse attività promozionali, tra le quali alcune dimostrazioni culinarie proposte dagli chef Palmiro Ocampo e Arlette Eulert, intrattenimenti musicali di hip hop in quechua con Liberato Kani e, grazie ad un touch screen, i visitatori hanno potuto conoscere i prodotti peruviani e le esportazioni agricole e, grazie alla maestria di alcune donne peruviane nella tessitura, una tela gigante ricamata a mano ha messo in mostra l’incredibile geografia del Paese e i ‘superalimenti’ che questa terra così tanto generosamente regala.